“Mi disegni un piccolo principe?”. Michel Van Zeveren, Babalibri

E se rovesciassimo il capolavoro di Saint-Exupéry?

Se fosse Piccola Pecora a chiedere: “Mi disegni un piccolo principe?”.

Lo chiede prima a Pecorella, compagna di classe, che Il piccolo principe lo disegna per filo e per segno.

Ma al suo rifiuto, va dalla mamma a chiedere una mano.

E qui arriva la prima proposta originale: guardare da un altro punto di vista, in modo creativo e inedito.

Così sostenuto e incoraggiato, Piccola Pecora riuscirà a disegnare il suo personalissimo Piccolo Principe, che non sarà uguale a quello di nessun altro. 

E questa volta non accadrà, ne siamo certi, che per colpa degli adulti, a cui interessano solo i numeri, Piccola Pecorella dovrà rinunciare ai propri sogni e alle proprie aspirazioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...