“Una vita da somaro”. Un libro per imparare a guardare oltre

foto-Cover

Nessuno dovrebbe essere riassunto e confinato in un pregiudizio, bollato con un solo aggettivo, stigmatizzato senza appello.

Non dovrebbe accade neppure a un somaro, ad un mulo che non è buono soltanto a trasportare pesi per strade impervie, cocciuto, forte e ostinato, ma sa essere anche qualcosa di più e di altro.

È un libro contro gli stereotipi Una vita da somaro di Daniela Valente, con le illustrazioni di Flavia Sorrentino, edito da Coccole books.

Uscito per la prima volta nella primavera del 2013, ristampato due anni più tardi, il libro è inserito dalla casa editrice cosentina nell’ultimo speciale letture estive.

È una lettura per tutte le stagioni e per ogni età, invece, perché suggerisce che ogni situazione può essere guardata da più punti di vista.

Così succede a Bruno, al quarto anno delle elementari, che va spesso a trovare il nonno e il suo mulo Giardino, di volta in volta impegnati per brevi periodi nei boschi a trasportare legname.

Un giorno il nonno si ammala, viene ricoverato: ha problemi al cuore e non può più affaticarsi con il lavoro.

Giardino, che è stato chiamato così perché con i suoi zoccoli ara la terra e dopo il suo passaggio crescono nuove pianticelle, viene affidato ad un centro. Ed è qui che iniziano a sgretolarsi luoghi comuni e cliché: Giardino non è soltanto buono per la fatica e il sudore, ma viene utilizzato anche come biblioteca ambulante; una volta a settimana, con due ceste colme di libri, arriva nelle scuole più lontane dalla biblioteca comunale. A guidarlo è una ragazza che così promuove la lettura.

Chi lo avrebbe mai immaginato… Giardino che fa leggere i libri ai bambini!!
ALTRO CHE SOMARO…

Il testo lavora moltissimo sulle diverse prospettive possibili: in color magenta sono riportati i pensieri di Giardino, che diventano delicatissimi quando viene impegnato in un’altra occupazione, nuova e importante.

Giardino, infatti, viene impiegato in attività di pet therapy con Luca, un bambino che da poco ha iniziato a frequentare la stessa classe di Bruno.

A leggere gli intrecci di riflessioni, ora di Bruno ora di Giardino, accompagnati e talvolta rassicurati dalle illustrazioni a pagina intera o a doppia pagina, si cominciano a sviluppare quelle che lo psicologo statunitense Gardner, teorico delle intelligenze multiple, definisce intelligenza intrapersonale e intelligenza interpersonale, cioè la capacità di interpretare i diversi sentimenti, propri e altrui, avviando relazioni adeguate in base a questi.

Punto di forza del libro, così come degli altri titoli della collana Professor Ulisse, è il corredo finale di dieci pagine di taglio saggistico, con piccoli disegni a matita, in cui si approfondiscono le caratteristiche del mulo, se ne ripercorre la storia sin dall’antico Egitto, si ricordano i lavori tradizionali in cui è stato impiegato, il suo impegno ultracentenario negli alpini, si racconta delle nuovissime attività che lo vedono in prima linea, dal biblioburro (biblioteca ambulante) colombiano al progetto del biblioasino tutto italiano, fino alle iniziative di asini spazzini avviati per il momento in provincia di Palermo e di Pisa.

Non mancano le curiosità, dal somaro in filatelia al ruolo dei somari nelle fiabe classiche.

Ottima anche la breve (ma utilissima) webgrafia riportata in chiusura.

“Sei un somaro”.

Dopo la lettura di questo libro non sembrerà più un’offesa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...